Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

In Valdera

Iscriviti alla Newsletter

 

Buti - A.N.P.I.L. Stazione Relitta di Pino Laricio

A.N.P.I.L. Stazione Relitta di Pino Laricio - L’Area protetta, istituita dall’autorità comunale di Buti nel 1997, è dal 1999 nell’elenco delle Aree Protette Regionali. Si estende per 124 ettari alle pendici orientali del Monte Pisano, delimitata a nord dal Monte Cucco e a sud dal rio Tanali. L’A.N.P.I.L. è stata istituita appositamente a tutela del biotopo di stazione relitta del Pinus laricio, specie di pino tra le più imponenti, che può raggiungere persino i 50 metri di altezza. Il pino laricio è una sottospecie del Pinus nigra ed è presente nell’area del Mediterraneo, ma solo in alcune zone quali i Monti Pisani, la Calabria, l’area dell’Etna in Sicilia e la Corsica. Il pino laricio si suddivide a sua volta in numerose sottospecie, delle quali quella presente nell’A.N.P.I.L. butese, riveste un altissimo valore biogeografico in quanto specie superstite di ere glaciali. Il particolare microclima della zona, fresco ed umido, ha permesso a tali esemplari di vivere e svilupparsi anche nelle epoche successive alle glaciazioni; alcuni esemplari si possono incontrare

percorrendo un tratto scosceso dell’area e dopo un tragitto che dura all’incirca mezz’ora; altri quattro si trovano nei pressi di una tenuta privata. Gli esemplari di pino laricio crescono attorniati da una vegetazione costituita prevalentemente dal pino marittimo, dal castagno, dalla quercia, dall’alloro, dall’acacia e dal sorbo e tutta l’area riveste particolare importanza dal punto di vista botanico e naturalistico. La collaborazione tra i comuni di Bientina, Buti e Calcinaia con la Provincia di Pisa e la Regione Toscana ha permesso la creazione all’interno dell’A.N.P.I.L. il parco Didattico del Monte Cucco, nell’ambito del “Progetto Integrato di Area” dei comuni suddetti. Nell’area insiste un’antica cava di ardesia un tempo utilizzata per le coperture dei tetti, un bosco di pregio naturalistico e aree umide dove quasi certamente nidifica il merlo acquaiolo, ed è ipotizzata la presenza di varie specie di anfibi quali la salamandra pezzata, che rappresenta un interessante campione della fauna erpetologica. Il parco, visitabile su prenotazione, dispone di sette percorsi didattici realizzati dagli insegnanti delle scuole di infanzia, elementari e medie dei comuni degli Istituti comprensivi di Bientina, Buti, Calcinaia e Fornacette.

 

 

A.N.P.I.L. Stazione Relitta di Pino Laricio - Protected Area, established by the Municipal Authority of Buti in 1997, has since 1999 listed in the Regional Protected Areas. It stretches for 124 acres to the eastern slopes of Mount Pisano, bounded on the north by the Monte Cucco and on the south by the river Tanali. The A.N.P.I.L. was established specifically to protect the habitat of the relict station of the laricio Pinus, a pine species of the most impressive, which may even reach 50 meters in height. The Laricio pine is a subspecies of Pinus nigra presents in the Mediterranean, but only in some areas such as the Monti Pisani, Calabria, the area of Etna in Sicily and Corsica. Pine laricio is furthered divided into several subspecies, of which those of ANPIL of Buti, is of very highly biogeographic value being a survivor species of glacial eras. The special microclimate of the area, fresh and moist, has allowed these specimens to live and develop also in periods later to glacial eras, some specimens can be found following a steep pathway after about half an hour walk; Some other four are located around a private estate. The specimens of pine laricio grow surrounded by vegetation mainly mainly made of maritime pine, chestnut, oak, laurel, bay tree and acacia. The whole area is of particular interest from a botanic and naturalist point of view. The collaboration between the municipalities of Bientina, Buti and Calcinaia with the Province of Pisa and the Region of Tuscany has led to the creation within the ANPIL of the Educational Park of Monte Cucco, under the “Integrated Project Area” of the municipalities in question. In the area there is a slate quarry once used for roofing, a wood recognized of natural interest, wetlands where the aquatic blackbird nests, and where the presence of various species of amphibians such as the spotted salamander, an interesting sample of the herpetology fauna, are presumed. The park, open on appointment, offers seven courses heed by nursery. Primary and secondary school teachers of the public of institutes of Bientina, Buti, and Calcinaia Fornacette.

 

In Valdera


Unione Valdera - via Brigate Partigiane, 4 - 56025 Pontedera (PI) - Tel. 0587.299.560 - Fax 0587.292.771 - PI 01897660500 - info@unione.valdera.pi.it       Login       Area Aziende